Cranberry Oat Scones per il Club del 27

Il trillo della sveglia la mattina è brutto, brutto… ma se a darci la giusta carica per affrontare la giornata è una golosa colazione, il buonumore è assicurato. Il primo pasto della giornata è sicuramente il più importante, per questo motivo insieme al Club del 27 vi suggeriamo tante ricette, divertitevi a provarle.

Io vi propongo gli Scones, arrivano dalla Scozia e probabilmente devono il loro nome a una cittadina scozzese, sono anche citate sull’Oxford English Dictionary che risale al 1513. Inizialmente si trattava di preparare una focaccia non lievitata cotta sulla piastra e tagliata in piccoli triangoli. Con l’invenzione del lievito istantaneo si è passati a preparare le piccole e morbide focaccine da tè che noi conosciamo.

Gli scones non sono né dolci né salati. Motivo che li rende versatili, adatti ad essere farciti con qualsiasi cosa, compresi salumi e formaggi, o aromatizzati direttamente nell’impasto.

Ad esempio per farli salati basta mettere semi di finocchio, di sesamo, timo, maggiorana o altro. Perchè siano dolci si usa uvetta, frutta secca, gocce di cioccolato o mirtilli.

Io li ho preparati con mirtilli rossi e zenzero candito:

170 g di farina 0
15 g di zucchero semolato
1/2 bustina di lievito in polvere
2 g di sale
50 g di burro freddo
45 g di fiocchi d’avena + 2 cucchiai per la finitura
60 g di mirtilli rossi essiccati
30 g di zenzero candito
1 uovo piccolo
60 ml di yogurt intero bianco + 2 cucchiai per la finitura

In una ciotola mescolare insieme la farina, lo zucchero, il lievito e il sale. Aggiungere il burro a pezzetti e ridurre il composto in briciole. Aggiungere l’avena, i mirtilli e lo zenzero, mescolare bene il tutto.

In un’altra ciotola sbattere insieme l’uovo e lo yogurt, versare il tutto nel mezzo dell’impasto, iniziare a mescolare delicatamente per incorporare il liquido. Lavorare poi velocemente per formare un panetto che risulterà leggermente appiccicoso.

Su una superficie infarinata, versare l’impasto, formare un rettangolo di 20 cm per 10 cm e ricavare da questo 8 rettangoli che andranno trasferiti su una teglia ricoperta di carta forno. Spennellare la superficie con lo yogurt e cospargere con i fiocchi d’ avena.

Cuocere a 190°, modalità statica, per 12/14 minuti.

Cassoeûla milanese

Nel mio blog non poteva mancare questo piatto della tradizione milanese, gustoso e ricco anche in termini calorici. I meneghini la preparano tutto l’anno, ferragosto compreso, in verità è perfetto nei mesi invernali accompagnato magari da una fumante polenta.

E’ un piatto povero nato nel XX secolo come tradizione culinaria per festeggiare Sant’Antonio Abate ogni 17 gennaio, nonché la fine del periodo della macellazione dei maiali secondo il calendario della campagna. La sua diffusione, racconta la leggenda, si deve ad un soldato spagnolo che pare abbia insegnato la ricetta alla cuoca di una nobile famiglia milanese, di cui si era innamorato. Questo miscuglio di carni e verdura fu così apprezzato che la sua preparazione si diffuse sul territorio. Invece sulle origine del suo nome vi sono più versioni, potrebbe derivare dal cucchiaio per mescolarla: il casseou, oppure dalla pentola utilizzata nella preparazione: la casseruola. Esiste però un’altra spiegazione, pare che tradizionalmente il piatto venisse preparato dagli operai dei cantieri edili, una volta completato un edificio, ed il nome derivi dall’attrezzo usato per mescolarla durante la cottura, la cazzuola appunto. Oltralpe invece esiste un piatto tedesco: il Kasseler, si pronuncia càssola, dove diversi tagli di maiale affumicato vengono serviti con il cavolo verza.

La verza, uno degli ingredienti principali, per essere saporita e dolce deve passare la notte al gelo, se questo viene a mancare basta tenerla in congelatore e il gioco è fatto. Del maiale, suo comprimario, si utilizzano praticamente tutte le sue parti più e meno nobili.

Il Comune di Milano ha marchiato, nel 2008, la ricetta con la sigla De. Co. (denominazione comunale), per valorizzarne la provenienza e renderla riconoscibile al turismo enogastronomico.

Questa è la mia versione, se preparata il giorno prima è ancora più buona

Ingredienti per 4 persone:

1,5 kg di verze gelate
600 g di costine di maiale
100 g di cotenne di maiale
8 verzini o piccole salsicce
1 piedino di maiale
150 g di carote tritate
150 g di sedano tritato
100 g di cipolla tritata
40 g di burro
1/2 bicchiere di passata di pomodoro
1/2 bicchiere di vino rosso (quale lo scoprite alla fine dell’articolo)
brodo vegetale
1 foglia di alloro
1 chiodo di garofano tritato
sale

Fiammeggiare e raschiare molto bene la cotenna ed il piedino per eliminare le setole. Porli in una pentola coperti di acqua fredda, portare a bollore e cuocere per 30/40 minuti. Al termine scolarli bene e tenerli da parte.

Tagliare a striscioline e lavare bene la verza, sbollentarla in una pentola di acqua già in ebollizione per cinque minuti. Scolarla e tenerla da parte.

Seguire lo stesso procedimento della verza per sbollentare i verzini (dopo averli bucherellati) e le costine.

Questo per rendere la verza più digeribile e le carni meno grasse.

In una casseruola, ampia e dai bordi alti, sciogliere il burro e rosolare il trito di verdure (la cosiddetta dote lombarda) insieme al chiodo di garofano e la foglia di alloro.

Inserire la carne ed insaporire per qualche minuto, sfumare con il vino.

Aggiungere la passata di pomodoro ed il brodo vegetale fino a ricoprire circa a metà delle carni. Abbassare la fiamma e far sobbollire, a tegame coperto, per mezz’ora.

A questo punto aggiungere la verza, mescolare il tutto e proseguire la cottura per quasi un’ora a tegame semi coperto.

A Milano si dice che dev’essere tachenta, cioè appiccicosa. Né tropa brodusa né tropa sucia ma mostosa, non troppo brodosa e neppure troppo asciutta, mostosa appunto 😉

Abbinamenti di-Vini

Sfumiamo e gustiamo questo succulento piatto con la Barbera dell’Oltrepò Pavese, una DOC che si produce nella provincia di Pavia (da non confondere con il suo parente piemontese). Ha colore rubino, vino non particolarmente invecchiato e profumato è mediamente tannico, secco al palato. Volendo vi sono anche versioni più frizzanti ma non le amo particolarmente.

MTC Story – un dolce arrivederci con i Croissant

Un detto recita: “si chiude una porta e si apre un portone”, mai come questa volta mi auguro che si avveri. La porta che si sta chiudendo è quella dell’MTC, un contenitore di emozioni, di gioie e di novità, tutte rigorosamente interconnesse sul filo della rete informatica, che mi ha dato la spinta iniziale per aprire questo blog, scrivere e pubblicare ricette.

Per tutto questo, e per l’ultima volta, torno a cucinare con l’MTC e ricordare dieci anni di sfide che si sono intrecciate con il mio quotidiano, a volte bello, altre un pò meno, ma che proprio per questo sono state una valvola di sfogo incredibile.

Nel percorrere anni di battaglie a suon di pentole, ho scelto di rifare quella che per me è stata forse la più ostica ma che ritengo di aver vinto con onore.

La prima volta che ho preparato i croissant ci sono volute ore di lavoro e sveglie che suonavano in piena notte (evitabile con un pò di organizzazione) per ottenere un burroso profumo che per colazione ha pervaso tutta la casa. Oggi, guardando l’alba di un nuovo giorno, addento un profumato croissant e abbraccio idealmente uno ad uno i miei compagni di gioco.

In attesa di nuove avventure e oltre provate a fare come me questi croissant; con gli ingredienti iniziali quali l’attenzione, il tempo e la pazienza avrete un risultato assicurato.

Dosi per 8 croissant normali o 16 mini

400 g di farina 00 W350
220 ml di latte
40 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
30 g di zucchero semolato
4 g di lievito di birra istantaneo
9 g di sale
4 g di aceto di vino bianco
200 g di burro per la sfogliatura

In una ciotola sciogliere lo zucchero ed il sale con il latte e l’aceto.

A parte setacciare la farina con il lievito di birra istantaneo.

Unire il burro, gli ingredienti liquidi a quelli secchi fino ad ottenere un impasto grezzo. È importante che l’impasto non venga lavorato eccessivamente, in modo da evitare di sviluppare la maglia glutinica. Se ciò dovesse accadere vi ritrovereste con un impasto troppo forte che si strappa durante la fase della sfogliatura.

Formare un quadrato, avvolgerlo in pellicola alimentare e farlo riposare in frigo per 6 ore, se l’impasto lievita dopo un paio d’ore è importante sgonfiarlo.

Poco prima di tirare fuori l’impasto preparare il panetto di burro schiacciandolo tra due fogli di carta da forno e rimetterlo in frigo fino all’utilizzo.

Stendere l’impasto a circa 6 mm di spessore, fare in modo che sia largo poco più del panetto di burro e alto due volte l’altezza dello stesso.

Riprendere il burro dal frigo, metterlo su una metà della pasta e richiudervi l’altro lembo sopra, procedere con la piega a tre.

Avvolgere l’impasto in pellicola alimentare e fare riposare in frigorifero circa 30 minuti.

Stendere il rettangolo, avendo cura che la piega sia alla vostra destra, tirandolo ad una lunghezza corrispondente a tre volte il lato corto e fare una piega a tre.

Avvolgere in pellicola alimentare e fare riposare in frigorifero circa 30 minuti. Ripetere la piega a tre e il riposo in frigo.

Fuori dal frigo dividere l’impasto in due e stendere le due porzioni ad una dimensione di 26 x 34 cm e uno spessore di circa 3-4 mm ciascuna (io ho diviso l’impasto in quattro e di conseguenza anche le misure dei triangoli).

Sbattere l’impasto sul piano di lavoro infarinato, due volte per favorire la sfogliatura, quindi tagliare dei triangoli dalla base di 11 cm circa o 6 cm con un coltello grande e affilato.

Lasciare riposare i triangoli per 20 minuti in frigo prima della formatura.

Fuori dal frigo stirare leggermente la punta dei triangoli, praticare una piccola incisione in mezzo alla loro base e arrotolare con delicatezza i lembi senza premere né stringere troppo l’impasto.

Se fate i croissant la sera per il mattino lasciateli lievitare sulla teglia per un’ora, coperti con pellicola alimentare, dopodiché metteteli in frigo per tutta la notte. La mattina tirare i croissant fuori dal frigorifero almeno due o tre ore prima della cottura, spennellarli con dell’uovo sbattuto (passato attraverso un colino a maglia fitta) muovendo il pennello dal centro del croissant verso l’esterno per evitare che l’uovo faccia attaccare gli strati della sfoglia, coprire con pellicola alimentare.

I croissant sono pronti quando tremano un po’ come un budino quando la teglia viene leggermente scossa.

Se si cuociono subito, disporli su una teglia da forno coperta con carta oleata, spennellati con l’uovo sbattuto, dopo averli coperti con pellicola alimentare e lasciati lievitare a temperatura ambiente per circa 2-3 ore.

Prima di cuocere i croissant spennellarli nuovamente con l’uovo sbattuto.

Preriscaldare il forno a 200° C , infornare e cuocere per circa 10 minuti, abbassare la temperatura a 180°C e cuocete per altri 10 minuti, devono essere ben dorati.

Se invece tendono a scurire troppo coprirli con un foglio d’alluminio.

Farli raffreddare su una gratella.

Pane albero di Natale

Manca una settimana a Natale, voglio suggerirvi una simpatica idea che oltre ad essere un bel centrotavola per le prossime feste si può anche mangiare. Anziché portare in tavola il cestino del pane, preparo tanti piccoli panini che, uniti tra loro prima della cottura, danno vita ad un alberello.

Una volta che sarà anche allegramente addobbato, farà bella mostra di se sulla tavola delle feste.

Per 30 panini

500 g di farina 0
300 ml di acqua circa
150 g di pasta madre già rinfrescata
due cucchiaini di sale marino integrale

foglie di prezzemolo
chicchi di melagrana

Sciogliere velocemente la pasta madre in metà acqua a temperatura ambiente e cominciare ad aggiungere la farina, sempre impastando con le mani. Dopo averne aggiunta circa la metà, incorporare il sale disciolto in poca acqua. Continuare aggiungendo la restante farina e l’acqua necessaria, poichè farine diverse hanno un diverso assorbimento. Lavorare l’impasto per 10 minuti, fino ad ottenere un composto liscio, elastico ed omogeneo.

Per chi ha la planetaria, mettere prima la farina, aggiungere metà acqua necessaria con il lievito madre disciolto, iniziare ad impastare, aggiungere la restante acqua col sale disciolto. Impastare per 7/10 minuti, fino all’incordatura.

Sbattere la pasta ottenuta 3-4 volte sulla spianatoia e porre a lievitare in una ciotola coperta da un canovaccio umido per 4-5 ore a temperatura ambiente, finché il volume dell’impasto non sarà raddoppiato.

Trascorso questo tempo, rovesciare l’impasto su un tagliere infarinato e formare 30 palline tutte della stessa dimensione.

Trasferirle su una teglia rivestita con carta da forno e formare l’albero (vedi foto).

Coprire il pane con un canovaccio, per evitare che si formi la crosta in superficie, e fare riposare per 2-3 ore.

Accendere il forno alla massima temperatura, abbassare a 190° C e cuocere l’albero di pane per 25 minuti.

Una volta sfornato e raffreddato decorarlo con foglie di prezzemolo e chicchi di melagrana.

BUON NATALE A TUTTI!!!

Falsopesce

Il falsopesce è il piatto delle feste della mia infanzia, preparato a Natale dalla mamma. E’ semplice, ha pochi ingredienti ed è divertente da decorare, soprattutto se vi fate aiutare dai bambini.

Il mio bel “falso” pesciolino è cicciotto, opera della mia bambina. Anche quest’anno lo prepareremo e farà bella mostra tra gli antipasti del pranzo natalizio.

700 g di patate a pasta gialla
350 g di tonno sott’olio sgocciolato
2 cucchiaini di pasta d’acciughe
100 g di maionese
capperi
cetriolini
olive verdi denocciolate
sale

In una pentola capiente, lessare le patate in abbondante acqua. Passarle allo schiacciapatate ancora calde, ottenere una purea.

Sgocciolare il tonno dall’olio, inserirlo nel frullatore insieme alla pasta d’acciughe, un cucchiaino di capperi e la maionese; frullare il tutto, aggiungere il composto ottenuto alle patate.

Amalgamare bene, nel caso fosse molto compatto aggiungere altra maionese e regolare di sale.

Se utilizzate l’apposito stampo foderatelo con la pellicola, tenetelo in frigo un’ora prima di sformarlo. In alternativa divertitevi a modellarlo a mano libera.

Decorare a piacimento, vanno bene anche i sottaceti misti, le falde di peperoni… insomma… viva la fantasia!

Lemon e blueberry polenta cake per il Club del 27

Autunno, tempo di polenta!

Questa volta la utilizzo per preparare un dolce dalla morbida e profumata consistenza, con quella deliziosa granulosità caratteristica della farina di mais. Un consiglio, nei dolci utilizzate sempre il mais fioretto dalla grana più fine, ideale per questo tipo di preparazioni.

Prima di passare alla mia versione del dolce, come sempre in fondo al post trovate la ricetta originale in inglese, vi ricordo che questo mese con il Club del 27 potrete sbizzarrirvi e scegliere torte e biscotti tutti rigorosamente polentoni 😉

100 g di zucchero semolato bianco
2 uova
100 g di farina di mandorle
100 g di polenta
100 g di farina 0
1/2 bustina di lievito per dolci
100 ml di yogurt naturale
100 g di mirtilli freschi
30 ml di olio extra vergine d’oliva
1 limone non trattato

Per prima cosa portare a temperatura il forno a 180 ° C.
In una terrina versare le farine, lo zucchero ed il lievito, aggiungere le uova, lo yogurt e l’olio. Grattugiare il limone, spremerlo ed aggiungere succo e buccia al composto.

Amalgamare il tutto molto bene, infine versare i mirtilli e mescolare con delicatezza.

Oliare e infarinare uno stampo da plumcake, versare il composto ed infornare.
Cuocere per 40 minuti, a metà cottura coprire il dolce con un foglio di alluminio per evitare che si colori eccessivamente. Verificare che la cottura sia completata inserendo uno stuzzicadenti, una volta estratto deve risultare asciutto.

Lemon and blueberry polenta cake

100g unsalted butter, plus extra for greasing
100g white caster sugar
2 medium free-range eggs, beaten
100g ground almonds
90g polenta
1 lemon, zested and juiced
1 tsp baking powder
100ml natural yogurt
100g fresh blueberries
Preheat the oven to 180°C/fan 160°C/gas mark 4. Grease a 2lb loaf tin and line with baking paper.
Using an electric hand mixer, cream the butter and sugar together in a bowl until soft and pale. Beat in the eggs, one at a time, adding 1 tbsp ground almonds with each egg.
Stir through the polenta, lemon juice and zest, baking powder and remaining ground almonds, then stir in the yogurt and half the blueberries.
Pour into the loaf tin and scatter the remaining blueberries over the top, lightly pressing into the mixture. Bake for 45 minutes, or until a skewer inserted into the centre comes out clean.

Lasagne salmone e robiola

Il salmone fresco non è solo buono e leggero, ma digeribile e ricco di nutrienti, è ottimo per chi non vuole rinunciare al piacere di mangiare in modo equilibrato e gustoso.
Grazie alla sua varietà di tagli, si presta a diventare l’ingrediente principale di molte ricette, tutte semplici e rapide.

Come questa lasagna, una gustosa alternativa alla più classica e conosciuta, dove il salmone ha un ruolo importante unitamente alla robiola, un formaggio a pasta molle prodotto tipicamente in Italia settentrionale dalle Langhe al bresciano.

Da questo connubio è scaturito un piatto unico che fa festa solo a vederlo.

Dosi per 4 persone

250 g di pasta fresca di lasagne
450 g di carpaccio di salmone
300 g di robiola
maggiorana
100 g di salmone affumicato
1 dl di latte
30 g di parmigiano reggiano
30 g di pangrattato
sale
pepe rosa

Tritare il salmone affumicato, in una ciotola unirlo alla robiola, aggiustare di sale, qualche grano di pepe rosa schiacciato e la maggiorana; stemperare il tutto con il latte fino ad ottenere una crema molto morbida.

Sul fondo di una pirofila imburrata fare un primo strato di lasagne, distribuire sopra la crema di robiola ed il carpaccio di salmone. Procedere a strati fino ad esaurire gli ingredienti.

Terminare con uno strato di crema di robiola.

Mescolare il formaggio con il pangrattato, un pò di maggiorana e altro pepe rosa schiacciato. Distribuire il composto sulle lasagne.

Accendere il forno in modalità ventilata a 200°, coprire la teglia con un foglio di alluminio, infornare e cuocere per 20 minuti. Eliminare il foglio di alluminio e completare la cottura per altri 10 minuti.

Sfornare e servire.

p.s. se decidete di utilizzare la pasta secca, lessatela prima in abbondante acqua salata.

Crema viola

Contiene proteine, fibra alimentare, diverse  vitamine e sali minerali, è ricca d’acqua e di zuccheri. Vanta proprietà riminalizzanti e rinfrescanti, è anche un blando antinfiammatorio, apporta benefici al cuore e alla microcircolazione ed il succo aiuta a combattere l’ipertensione e l’anemia.

Tutto questo è la barbabietola rossa, un ortaggio a forma di tubero, ottimo da consumare sia crudo che cotto. In commercio si trova già precotta, basta tagliarla e condirla con un po’ di olio e di sale, oppure utilizzarla per preparare colorate ricette come il mio Risotto rosso di barbabietola e Gorgonzola.

Per la GN delle vellutate e della besciamella questa volta la propongo in versione vellutata, la ricetta è ultra veloce ed il risultato è una crema deliziosa perfetta per questa fresca stagione.

Dosi per 4 persone

1 cipolla rossa tritata
1 carota tagliata a cubetti
350 g di barbabietole rosse tagliate a dadini
1 mela acidula (tipo grammy smith) tagliata a cubetti
1 l di acqua
2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

sale

yogurt bianco per guarnire


In un pentolino scaldare l’olio e fare appassire la cipolla, aggiungere la carota, mettere il coperchio, cuocere a fuoco lento per 10 minuti mescolando periodicamente. Aggiungere le barbabietole, la mela e proseguire la cottura per altri 15 minuti. Versare l’acqua e portare ad ebollizione a coperchio socchiuso fino a cottura delle barbabietole. Frullare il tutto per ottenere una crema liscia, salare a piacere e versare nelle coppette.

Guarnire con lo yogurt e servire subito.

p.s. se utilizzate la barbabietola precotta il tempo di cottura si dimezza, giusto per permettere alla mela di cuocersi.

Gnocchi patate e ricotta al caffè con crema di zucca e porcini

Galeotta fu la Masterclass dedicata al caffè dove, insieme ad un gruppo di colleghe foodblogger, sono stata guidata dagli esperti SCA Specialty Coffee Association della Scuola Sapere Manuel Caffè, a scoprire quali segreti si celano dietro e dentro una “semplice” tazzina di caffè.

Per me si è trattato di una prima volta in assoluto, si beve il caffè per abitudine, per svegliarsi la mattina, per far passare il mal di testa, per … Con questa occasione ho avuto modo di conoscere il concetto di ruota degli aromi, provato il metodo cupping, utilizzato a livello internazionale per valutare la qualità del caffè. E ancora come si definisce l’aroma, la percezione delle sue note ed i vari sentori sprigionati dal caffè, l’assaggio, la sua corposità ed i suoi flavours. Infine con il tatto ho provato ad identificare il sentore al palato, la combinazione tra aroma e gusto che si avverte in bocca attraverso le papille gustative. Che dire, sembra semplice preparare una tazzina di caffè, ma non è proprio così.

Con questo nuovo bagaglio ho pensato di provare ad utilizzare il caffè nella preparazione di un piatto salato, dove l’aroma e la combinazione dei diversi ingredienti contribuiscono a dare gusto pieno al tutto.

Per due porzioni di gnocchi:
200 g di patate lessate e schiacciate
70 g di ricotta vaccina ben scolata
100 g di farina bianca
⅔ di una tazzina di caffè

sale

Condimento:
250 g di zucca cotta al vapore
60 g di funghi porcini tagliato a fette e poi a tocchetti
1 spicchio d’aglio
olio extra vergine d’oliva
rosmarino fresco
brodo vegetale

Sulla spianatoia versare la farina, le patate raffreddate, aggiungere la ricotta, un pizzico generoso di sale ed il caffè freddo. L’impasto risulterà molto morbido, lavorarlo delicatamente, se è molto appiccicoso aggiungere poca farina.

Dividere la pasta in più parti e formare dei bastoncini dal diametro di 1 cm circa, lavorare su un piano infarinato. Tagliarli a pezzetti di 1 centimetro e disporli su un vassoio cosparso di farina di semola, lasciarli in frigo sino al momento della cottura.

Per il condimento, in una padella profumare l’olio con l’aglio ed aggiungere i funghi porcini, dopo due o tre minuti, aggiungere la zucca schiacchiata con la forchetta, rosmarino a piacere, sale e un pò di brodo vegetale per rendere tutto molto cremoso. Cuocere per qualche minuto ancora.

Portare ad ebollizione una pentola di acqua salata, tuffare gli gnocchi e appena vengono a galla scolarli con una schiumarola e spadellarli velocemente nella crema preparata.

Servire subito e buon appetito!

Harvest Apple Pie per il Club del 27

L’apple pie, dolce iconico negli Stati Uniti, è un esempio di confort food per eccellenza. Le svariate versioni danno vita a differenti denominazioni: si parla di double-crust pie se si prepara con un impasto doppio, di deep-dish pie se l’impasto è semplice oppure di open-faced French per la tarte Tatin.

Con questa premessa d’obbligo, qui al Club del 27 questo mese si spazia tra una serie di ricette nazionali e internazionali che invogliano a provarle tutte. Io inizio con la Harvest Apple Pie, una vera melizia… ops… delizia.

BASE
2 tazze di farina
1 cucchiaino di sale
⅔ tazze di burro
6-8 cucchiai di acqua ghiacciata
2 cucchiaini di aceto
RIPIENO
4 mele sbucciate affettate
2 cucchiai di farina
½ tazza di zucchero
2 cucchiaini di cannella
½ tazza di mirtilli rossi secchi
GUARNIZIONE
½ tazza di farina
3 cucchiai di burro
⅔ tazza di zucchero di canna
mandorle affettate
Acqua ghiacciata


Per la base mescolare farina e sale, mescolare l’aceto nell’acqua ghiacciata. Amalgamare il burro nella miscela di farina, aggiungere gradualmente acqua fino a quando l’impasto non si attacca. Stendete un pò più della metà di pasta ottenuta nella tortiera, con quella rimanente creare delle piccole foglie come decorazione.

Per il ripieno unire la farina, lo zucchero, la cannella ed i mirtilli rossi. Aggiungere le mele, amalgamare delicatamente il tutto ed inserirle nella base preparata in precedenza.

Per la farcitura unire tutti gli ingredienti per farcitura e coprire con cura le mele. Guarnire con le foglie precedentemente ritagliate attaccandole intorno alla crosta dopo averla inumidita con l’acqua ghiacciata che farà da collante.

Cuocere in forno a 180° per 30 minuti.

<><><><><><><><><><><><><><><><><><><><><>

Ingredients
CRUST
2 cups flour
1 teaspoon salt
⅔ cups Crisco
6-8 tablespoons ice cold water
2 teaspoons vinegar
FILLING
3 Harrelson apples, peeled, cored, and sliced
3 Golden Delicious apples, peeled, cored, and sliced
⅓ cup flour
1 cup sugar
2 teaspoons cinnamon
½ cup dried cranberries
TOPPING
1 cup flour
6 tablespoons butter
½ cup brown sugar
⅔ cups toasted, sliced almonds
Ice water
Directions
For the crust: Mix together flour and salt. Mix the vinegar into the ice water. Cut the Crisco into the
For the crust: Mix together flour and salt. Mix the vinegar into the ice water. Cut the Crisco into the flour mixture and graduaflour mixture and gradually add water until dough sticks together. Roll out half and place in a ninelly add water until dough sticks together. Roll out half and place in a nine– or or tenten–inch pie pan. Trim and flute the edges. Roll out the remaining dough and make decorative leaf inch pie pan. Trim and flute the edges. Roll out the remaining dough and make decorative leaf cutouts for top crust.cutouts for top crust.
For the filling: Preheat the oven to 350°F. In a bowl,
For the filling: Preheat the oven to 350°F. In a bowl, combine the flour, sugar, cinnamon, and combine the flour, sugar, cinnamon, and cranberries. Add the apples. Toss to coat and place into prepared crust.cranberries. Add the apples. Toss to coat and place into prepared crust.
For the topping: Combine all topping ingredients and carefully cover the apples. Add the cut
For the topping: Combine all topping ingredients and carefully cover the apples. Add the cut–out leaves out leaves around the crust. Dampen the crust edgaround the crust. Dampen the crust edge with the ice water to help leaves stick. Bake at 350°F for 75 to e with the ice water to help leaves stick. Bake at 350°F for 75 to 80 minutes.80 minutes.