Confettura di ciliegie e zenzero… ma non buttate noccioli e peduncoli

Per la GN delle ciliegie del Calendario del Cibo Italiano ho pensato bene di preparare una confettura.

Immagine

Quest’anno non siamo partiti benissimo con la stagione e molte meraviglie che la terra ci dona hanno avuto qualche problema, le ciliegie ad esempio sono in ritardo sulla tabella di marcia ed alcune varietà risultano essere meno saporite a causa delle troppe piogge. Questo è quanto  e dal momento che volevo farne incetta, poichè si collocano tra i frutti che più prediligo, ho pensato di declinarle in una confettura che utilizzerò per preparare crostate, torte farcite o più semplicemente spalmerò sul pane a colazione.

Ma non è finita qui, come sicuramente già saprete, non buttate i noccioli delle ciliegie, dopo averli ben bene lavati e fatti seccare, utilizzateli per farne cuscinetti antidolore. Si tratta di un vecchio rimedio naturale, infatti i noccioli di ciliegia essendo cavi all’interno hanno una sorta di camera d’aria naturale che permette loro di accumulare il caldo (scaldati in forno oppure nel microonde per dolori cervicali o contratture) oppure il freddo (tenuti in congelatore per piccoli lividi o distorsioni) e di rilasciarli molto lentamente.

Se poi le ciliegie sono biologiche non buttate nemmeno i peduncoli o piccioli che dir si voglia. Fate seccare bene anche loro ed utilizzateli per prepararvi un decotto per un effetto drenante e depurativo: sminuzzate 1 cucchiaio raso di peduncoli e metteteli in un pentolino con 1 tazza d’acqua fredda, portate a bollore per qualche minuto, spegnete e coprite, lasciate in infusione per 10 minuti.

Adesso capite perchè adoro le ciliegie 😀

Immagine

1 kg di ciliegie
750 g zucchero semolato
1 limone
3 o 4 cm di radice di zenzero

Lavare asciugare molto bene e snocciolare con pazienza tutte le ciliegie.

Metterle in una casseruola con i bordi alti ed il fondo spesso, aggiungere il succo di limone ed i suoi noccioli che avrete chiuso in una garza sterile con filo da cucina (sono un’ottima pectina naturale).

Accendere il fuoco, portare a bollore ed aggiungere lo zucchero e la radice di zenzero finemente grattugiata, mescolare bene riportando il tutto in temperatura; continuare a mescolare ogni tanto e fare sobbollire piano piano. Se volete ottenere un risultato vellutato, prima di aggiungere lo zucchero frullate le ciliegie, personalmente preferisco sentire i pezzetti di frutta.

La confettura è pronta quando vela il cucchiaio, dovrebbe occorrere circa un’ora.

Togliere la garza con i semi di limone e versare la confettura ancora calda nei vasetti, chiudere con i coperchi e lasciarli raffreddare completamente tenendoli capovolti.

Raccomando di utilizzare vasetti ben puliti ed asciutti. Per la loro sterilizzazione il metodo classico e porli in una pentola con acqua fredda e farli bollire per mezz’ora. Il metodo che utilizzo io è quello di metterli ancora umidi nel microonde e scaldarli alla massima potenza per cinque minuti.

Pillola socratica 😉

Annunci

6 thoughts on “Confettura di ciliegie e zenzero… ma non buttate noccioli e peduncoli

  1. Ecco da te, amica mia, c’è sempre da imparare. Marmellata è deliziosa ma è moltissimo che non la preparo, gli ossi sono invece meravigliosi e l’inverno sulla stufa c’è sempre quel sacchettino che si riscalda 😉
    Dei piccioli invece non ne conoscevo le proprietà cercherò di recuperarli prima di finirli 😉
    Non è proprio grazie alle ciliegie che ci conosciamo oltre che al carvi?
    😘

    Liked by 1 persona

  2. A parte la confettura che vorrei certamente fare, le dritte della nonna sui noccioli e peduncoli sono strepitose. Mannaggia a non averti letto prima: ho buttato non so quanti noccioli e relativi peduncoli questi ultimi giorni 😦
    Bellissimo post!

    Mi piace

  3. Adoro le confetture fatte in casa e questa è davvero golosa. E poi che bel suggerimento che hai dato per non sprecare nulla. Ed io che invece ieri ho buttato via tutto! Sono contenta di aver scoperto cosa fare con noccioli e gambi e proverò di sicuro!

    Liked by 1 persona

  4. Con la tua capacità di chiarezza mi hai fatto venire voglia di fare la marmellata, una delle cose che mangio più volentieri con il pane tostato ma che non mi è mai balenato di preparare. Fino ad ora ho sempre vissuto di rendita (leggasi suocera) ma potrei mettermi alla prova.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...